Tumore differenziato della tiroide: il ruolo dell’ablazione postoperatoria con radioiodio

L’ablazione postoperatoria dei residui con iodio radioattivo a bassa intensità è da preferire per i pazienti con carcinoma differenziato della tiroide a rischio da basso a intermedio, perché associata a un’efficacia simile a quella ad un'alta intensità e a una ridotta morbilità.

Questo contenuto è riservato agli operatori sanitari iscritti al portale.

Rientri in questa categoria? Registrati oppure effettua il login per accedere ai nostri approfondimenti.


Utenti collegati esistenti
   
Avatar
Raffaella Daghini