Demenza: il rischio aumenta se più sensi sono compromessi

In base a un recente studio statunitense, il deficit contemporaneo della vista e dell’udito è associato a un rischio aumentato di sviluppare demenza e malattia di Alzheimer rispetto all’assenza o alla presenza di un’unica compromissione sensoriale

Questo contenuto è riservato agli operatori sanitari iscritti al portale.

Rientri in questa categoria? Registrati oppure effettua il login per accedere ai nostri approfondimenti.


Utenti collegati esistenti
   
Avatar
Raffaella Daghini