Sonno frammentato e aterosclerosi: un possibile meccanismo per spiegare il legame

Migliorare la qualità del sonno potrebbe rappresentare una strategia preventiva attraverso la riduzione dello stato infiammatorio e quindi del rischio di aterosclerosi.

Questo contenuto è riservato agli operatori sanitari iscritti al portale.

Rientri in questa categoria? Registrati oppure effettua il login per accedere ai nostri approfondimenti.


Utenti collegati esistenti