Il silenzio nell'arte

Una nuova rubrica dedicata all’arte, un salotto virtuale composto da persone sorde che, nei secoli, si sono particolarmente contraddistinte nel mondo dell’arte in tutte le sue espressioni. Persone che hanno vissuto la loro vita per nulla intrappolati nel loro deficit, ma che hanno saputo spiccare il volo per raggiungere vette apparentemente inarrivabili.

Questa sezione è dedicata a loro, a tutti quelli che hanno amato e che amano la loro arte. È dedicata anche a tutte le persone con deficit uditivo perché possa essere fonte di stimolo ed emulazione.

Le pagine scritte da “maestri d’arte” o da semplici appassionati ci condurranno nella vita degli artisti, nelle loro case, all’interno di un museo o nelle frenetiche piazze delle nostre città, ricche di monumenti a cui spesso non abbiamo il tempo di volgere lo sguardo. Un’occasione per farci guidare da uno “sconosciuto” che ci fa emozionare, parlare un po’ meno e guardare un po’ di più, magari con la curiosità del bambino che è dentro di noi.

Auguriamo al Lettore un viaggio che, speriamo, alimenti benessere, alla scoperta di opere di notevole bellezza e di esperienze che nutrono lo spirito.

Annibale Monti, raffinato scultore

Annibale Monti, nasce a Codogno nel 1875 da Giuseppe della dinastia dei Monti scultori, all’età di tre anni è stato colpito da meningite che...

LEGGI ANCHE

Copertina CRS-Scientific-Journal-6

CRS Scientific Journal Volume 4.1 – Febbraio 2021

Sfoglia l'ultimo numero del CRS Scientific Journal.

Nessuna prova che il training musicale aiuti gli ipoacusici a sentire...

Il training musicale non sembra avere un effetto causale sulla comprensione o l’elaborazione del discorso in persone con deficit uditivi.

L’effetto dell’impianto cocleare nella malattia di Ménière

L’impianto cocleare sembra mostrare un miglioramento significativo dei parametri uditivi nei pazienti affetti dalla sindrome di Ménière.

Disfunzione vestibolare e uditiva da ipoacusia improvvisa: associazione e prognosi

In pazienti con SSNHL, risultati negativi ai cVEMPs possono essere un potenziale fattore predittivo per uno scarso recupero dell'udito.

Rumore ambientale: oltre ai danni uditivi aumenta il rischio cardiovascolare

L’esposizione all’inquinamento acustico sembrerebbe essere, non solo, causa di malattie cardiovascolari, ma anche di disturbi psicologici.
X